Miglior integratore per la Memoria

Miglior integratore per la memoria: qual è? MemoBoost

Se sei in cerca del miglior integratore per la memoria, questa mini-guida è ciò che fa al caso tuo. Sono ormai tantissimi gli integratori per la memoria in commercio ma, non tutti sono efficaci e composti da ingredienti naturali. Proprio per questo motivo, è importante informarsi adeguatamente prima di scegliere l’integratore che faccia al caso proprio.

Con la lettura dell’articolo, avrai modo di scoprire perché dovresti assumere un buon integratore e quindi i vantaggi che potresti trarne; quali siano gli ingredienti da prediligere nella scelta dell’integratore ed infine, la descrizione di quello che viene definito il miglior integratore per la memoria fra quelli esistenti.

miglior integratore per la memoria

Intanto entra nel nostro gruppo Telegram e non perderti gli aggiornamenti sui NOOTROPI

Perché e quando assumere un integratore per la memoria

Prima di parlarti, nello specifico, del miglior integratore per la memoria ad oggi esistente in commercio, è opportuno focalizzare l’attenzione sui benefici che si possono trarre dall’assunzione di questa tipologia di integratori alimentari.

Prima di tutto, è bene specificare che nonostante si parli di “memoria” tali integratori alimentari svolgono un più ampio ruolo sulle cosiddette “funzioni cognitive”. Queste ultime, solitamente, possono subire un calo con l’avanzare dell’età ma, un effetto simile, è possibile osservarlo anche quando si è particolarmente sotto stress.

Quest’ultimo è il caso, per esempio, di uno studente che sta preparando uno o più esami all’Università o di un lavoratore le cui scadenze sono prossime e deve spendere molto del suo tempo e della sua energia a lavoro.

Come rafforzare la memoria a breve termine?

La memoria a breve termine è la capacità di ricordare informazioni per un breve periodo di tempo, solitamente da pochi secondi a diversi minuti. Ci sono alcune strategie che possono aiutare a rafforzare la memoria a breve termine: Esercizio mentale (es. Sudoku), Ripetere ad alta voce, Organizzare le informazioni in maniera metodica,Utilizzare immagini mentali, dormire bene, mangiare bene ed utilizzare nootropi.

Ricorda che ci sono molte variabili che influenzano la memoria, quindi ciò che funziona per una persona potrebbe non funzionare per un’altra. È importante trovare le strategie che funzionano meglio per te e utilizzarle regolarmente per mantenere la memoria a breve termine forte.

Cosa prendere per migliorare la memoria?

Ci sono diversi integratori e nootropi che possono aiutare a migliorare la memoria. Tuttavia, prima di assumere qualsiasi integratore o nootropo, è importante consultare un medico o un professionista sanitario qualificato.

Ricordiamo inoltre che tutti gli integratori per la memoria fanno parte di una categoria chiamata “NOOTROPI

Se vuoi saperne di più clicca qui sotto

Quali principi attivi aiutano la memoria ?

Un buon integratore per la memoria, secondo quanto riportato dai massimi esperti in materia, dev’essere sostanzialmente composto da tutti (o quasi tutti) ingredienti naturali.

Di fatto, il nostro organismo produce già delle sostanze perfettamente in grado di sostenere tutte le funzioni cognitive e le reazioni che permettono le stesse; sarebbe, quindi, inutile dover sostituire tali sostanze naturali con altre artefatte.

Proprio in virtù di quanto appena sostenuto, il miglior integratore per memoria deve contenere :

  • Citicolina: Si tratta di una molecola con attività psicostimolante, capace di aumentare le capacità cognitive. Durante le ricerche svolte dai professionisti del settore, è emerso che, tale sostanza nootropa, è in grado, anche, di aumentare l’energia cerebrale, la soglia d’attenzione, la concentrazione e la rigenerazione cellulare.
  • Fosfatidilserina: Tale nootropo è conosciuto, fra le sostanze più utilizzate negli integratori per la memoria, per la sua capacità di promozione delle membrane cellulari flessibili. Dal punto di vista scientifico, la fosfatidilserina, è un glicerofosfolipide presente, naturalmente, nel nostro cervello nonché nel sistema nervoso centrale. Il suo ruolo è fondamentale per le membrane delle cellule dal momento che, ne regola e controlla non solo la permeabilità ma anche la loro integrità. Stando ai Documenti prodotti dal Ministero della Salute, tale sostanza rientra nei cosiddetti “Altri nutrienti e altre sostanze ad effetto nutritivo e fisiologico” proprio perché sono diversi i benefici che apporta.
  • Ginkgo Biloba, estratto dalle foglie del Ginkgo, è noto per migliorare la memoria e la funzione cognitiva. Contiene flavonoidi e terpenoidi che agiscono come antiossidanti, proteggendo le cellule cerebrali dai danni radicali. Questa pianta favorisce la circolazione sanguigna cerebrale, aumentando l’apporto di ossigeno e nutrienti al cervello. Inoltre, il Ginkgo Biloba può migliorare la plasticità sinaptica, facilitando la comunicazione tra le cellule nervose, e può ridurre l’infiammazione nel cervello, contribuendo così a un’ottimale funzione cognitiva e di memoria. Tuttavia, è sempre consigliabile consultare un professionista della salute prima di utilizzare qualsiasi integratore.
  • Acetil-L-Carnitina (ALCAR) è un composto che può migliorare la memoria e le funzioni cognitive. Essenziale per il metabolismo energetico, ALCAR facilita il trasporto dei grassi nelle cellule, fornendo energia al cervello. Ha proprietà neuroprotettive e antiossidanti, aiutando a prevenire il deterioramento neuronale. Influenza positivamente la produzione di acetilcolina, un neurotrasmettitore cruciale per la memoria e l’apprendimento. Inoltre, ALCAR può agevolare la comunicazione neuronale, migliorando così la concentrazione e la capacità di memorizzazione. Tuttavia, è consigliabile consultare un professionista della salute prima di utilizzare ALCAR per valutare dosaggio e appropriazione.
  • Fosforo è un minerale essenziale coinvolto in numerosi processi neurologici, tra cui la memoria e le funzioni cognitive. Partecipa alla formazione del nucleotide adenosina trifosfato (ATP), fonte primaria di energia per il cervello. La sua presenza nei fosfolipidi strutturali delle membrane cellulari è cruciale per la trasmissione dei segnali neurali e l’interazione tra le sinapsi. Il fosforo contribuisce anche alla sintesi e al mantenimento del DNA e dell’RNA, processi fondamentali per la funzione cerebrale. Un adeguato apporto di fosforo attraverso la dieta può sostenere la salute cognitiva e migliorare la memoria. Tuttavia, è importante mantenere un equilibrio corretto, poiché eccessi possono essere dannosi.

Sarebbe impossibile citare tutti gli ingredienti naturali di cui un buon integratore potrebbe esser composto. Tuttavia, è utile conoscere questi ingredienti solitamente utili per migliorare la memoria.

Qual è la vitamina che fa bene alla memoria?

La vitamina B6 è spesso considerata una vitamina importante per la memoria perché aiuta il corpo a produrre neurotrasmettitori, come la serotonina, che aiutano a regolare l’umore e migliorare la memoria. La vitamina B12 è anche importante per la memoria, poiché aiuta a mantenere una funzione cerebrale sana e può aiutare a prevenire la perdita di memoria legata all’età.

Miglior integratore per la memoria

Qual è il miglior integratore per la memoria?

Quale sostanza aiuta la memoria?

Dopo tutte queste premesse, più che doverose, è arrivato il momento di presentarti quello che è il miglior integratore per la memoria in commercio: MemoBoost

Dalle indagini indipendenti effettuate su questo integratore è emerso che, si tratta, al momento, del miglior integratore per chi voglia aumentare e migliorare le prestazioni della propria memoria, il proprio stato d’animo nonché la salute, in generale, del cervello.

MemoBoost

Sinergia: Colina + ALCAR


MemoBoost aiuta la memoria e riduce rallentamento cognitivo.

MemoBoost è un nootropo che favorisce la comunicazione tra le cellule nervose e il rilascio di neurotrasmettitori.

NO Caffeina


Quantità: 60 capsule.

Dosi: 2 Capsule al giorno. Una al mattino e una dopo pranzo.

Gli ingredienti di MemoBoost

Così come è stato anticipato in precedenza, MemoBoost, si classifica, al momento, al primo posto fra i gli integratori per la memoria esistenti in commercio tanto da aggiudicarsi il titolo di miglior integratore per la memoria.

Tale affermazione è provata anche dalla formula mediante la quale tale integratore è stato pensato.

MemoBoost contiene tutti gli ingredienti prima menzionati (Citicolina, Fosfatidilserina, Ginkgo Biloba, Colina Bitartrto, ALCAR, Fosforo e Zinco )

Cosa prendere per potenziare la Memoria ?

MemoBoost è un nootropo ideale per migliorare la memoria a lungo e breve termine. Questo nootropo è stato  sottoposto a rigidi studi di validità con modalità doppio cieco, è distribuito in commercio sotto forma di capsule.

La dose giornaliera consigliata è di 2-4 capsule al giorno; è possibile assumere quest’ultime, con un bicchier d’acqua o caffè è qualsiasi altra bevanda si preferisca.

Per esser precisi, le prime due capsule dovrebbero essere assunte al mattino; le restanti due, al momento del pranzo, qualora se ne avvertisse la necessità.

Il funzionamento di MemoBoost, inizia circa 30 minuti dopo l’assunzione; è possibile notare sin da subito, quindi:

  • Maggior prontezza;
  • Lucidità;
  • Ricordo.

Chi assume MemoBoost, inoltre, può contare anche su un umore più alto.

Per ottenere i risultati desiderati, è comunque opportuno assumere MemoBoost per il periodo indicato dal momento che, le massime prestazioni si avranno in un periodo medio-lungo.

Come aumentare la memoria in modo naturale?

  • Esercizio fisico – l’attività fisica può aumentare la circolazione sanguigna nel cervello, migliorando la memoria e la concentrazione.
  • Alimentazione – una dieta ricca di vitamine B, acidi grassi omega-3 e antiossidanti può aiutare a proteggere il cervello e migliorare la memoria.
  • Sonno – il sonno è importante per il consolidamento della memoria e l’apprendimento.
  • Attività mentali – impegnarsi in attività che richiedono l’attenzione, la concentrazione e la memoria può aiutare a esercitare il cervello e migliorare la memoria.
  • Ridurre lo stress – lo stress può influire negativamente sulla memoria, quindi praticare tecniche di gestione dello stress come la meditazione e lo yoga può aiutare a migliorare la memoria.
Torna in alto